Loading…

Cass., Sez. 2, 17 marzo 2022, n. 8581, Pres. Lombardo, Est. Orilia

ARBITRATO – Clausola compromissoria inserita in contratto di appalto – Apertura di procedura concorsuale – Pronuncia del lodo durante il decorso del termine per la scelta del subentro – Art. 72 L. fall. – Applicabilità ai contratti non più in esecuzione.

Visualizza il provvedimento
Costituiscono questioni di massima di particolare importanza meritevoli di rimessione alle Sezioni Unite le seguenti: stabilire quale sia la sorte della clausola compromissoria inserita in un contratto di appalto (o di subappalto) e la permanenza della potestas iudicandi del collegio arbitrale, qualora tale collegio, ignorando l’intervenuta apertura della procedura concorsuale (fallimento o liquidazione coatta amministrativa), pronunci il lodo durante il decorso del termine di 60 giorni che la legge fallimentare concede al curatore, in caso di fallimento (art. 81 L. fall.) o al commissario liquidatore (art. 201 L. fall. che fa espresso richiamo anche alla sezione IV del Titolo II, Capo III) per decidere di subentrare o meno nel rapporto; definire l’esatta portata dell’art. 72 L. fall., appurando se la norma (che sancisce l’inefficacia delle clausole negoziali che fanno dipendere la risoluzione del contratto dal fallimento) sia applicabile ai soli contratti non ancora eseguiti da entrambi i contraenti oppure anche ai contratti non più in esecuzione. 
 
Massima Ufficiale
Riproduzione riservata

art. 72 L. fall.
art. 81 L. fall.
art. 201 L. fall.