Loading…

Cass., Sez. L., 3 gennaio 2024, n. 94, Pres. Esposito, Est. Patti

LIQUIDAZIONE GIUDIZIALE – Domanda di accertamento della qualifica superiore del lavoratore nei confronti del datore di lavoro dichiarato fallito – Ripartizione cognitoria tra Giudice del lavoro e Giudice fallimentare.

Visualizza il provvedimento
La cognizione circa la domanda del lavoratore di accertamento di una qualifica superiore nei confronti del datore di lavoro dichiarato fallito permane in capo al Giudice del lavoro poiché tale domanda, lungi dal rappresentare un mero strumento per far valere diritti patrimoniali sul patrimonio del fallito, si basa sull’interesse del lavoratore a tutelare la sua posizione all’interno della società fallita. Qualora, al contrario, l’interesse del lavoratore all’accertamento del diritto di credito risarcitorio sia meramente strumentale alla partecipazione al concorso nella procedura, la cognizione spetterà al Giudice fallimentare. 

Segnalazione a cura della Dott.ssa Giorgia Grasso
Riproduzione riservata

art. 1 D.Lgs. n. 270/1999
art. 18 e ss. D.Lgs. n. 270/1999
art. 52 L. fall.
art. 92 L. fall.
art. 100 c.p.c.
art. 409 c.p.c.
art. 413 c.p.c.
art. 111 Cost.
art. 6 Cedu