Loading…

Cass., Sez. Lav., 1 settembre 2022, n. 25838, Pres. Esposito, Est. Patti

FALLIMENTO - Omessa rioccupazione del lavoratore - Pagamento a carico del Fondo sociale per l'occupazione e formazione - Fallimento del datore di lavoro - Conseguenze in tema di ammissione allo stato passivo delle quote di Tfr.

Visualizza il provvedimento
Il pagamento della Cassa integrazione in deroga (CIGD) spetta, qualora il lavoratore non sia rioccupato alla cessazione del periodo alle dipendenze del datore di lavoro, al Fondo sociale per l'occupazione e la formazione presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali; con la conseguenza che, in caso di fallimento del datore di lavoro, il dipendente non ha diritto all'ammissione allo stato passivo del credito per le quote di TFR maturate in tale periodo, ma di quelle del periodo anteriore trasferite nel Fondo di Tesoreria, di cui non sia provato il versamento da parte del datore di lavoro. 

Massima Ufficiale
Riproduzione riservata

art. 2120 c.c.
art. 2, comma 64, L. n. 92/2012
art. 1, comma 755, L. n. 296/2006