Loading…

Trib. Avellino, 16 maggio 2022, Est. Russolillo

COMPOSIZIONE NEGOZIATA – Misure protettive – Necessaria redazione di un piano di risanamento completo – Insussistenza.

Visualizza il provvedimento
L’accertamento del fumus boni iuris non richiede che l’imprenditore istante abbia già predisposto un piano di risanamento completo, non rientrando esso fra i documenti da allegare al ricorso per conferma di misure protettive, sicché esso può essere redatto in forma solo embrionale e non ancora sottoposto ad analisi di coerenza da parte dell’esperto; in questo caso il sindacato giudiziale, pur non potendo estendersi alla completezza e fattibilità del piano - il cui contenuto ben può essere integrato nel corso delle trattative e alla luce delle interlocuzioni con i creditori - deve tuttavia avere in ogni caso ad oggetto la verifica dell’esistenza di concrete prospettive di risanamento dell’impresa come attestate dall’esperto secondo criteri di congruità logica e ragionevolezza.
Riproduzione riservata

art. 4, comma 5, D.L. n. 118/2021
art. 5, comma 5 e 7, D.L. n. 118/2021