Loading…

Trib. Bergamo, 31 marzo 2021, Pres. De Simone, Est. Magrì

CONCORDATO PREVENTIVO – Prededuzioni gravanti sul creditore ipotecario – Esclusione delle spese da cui l’ipotecario non trae utilità.

Visualizza il provvedimento
Nel concordato preventivo (ma il principio è operante anche nel fallimento) gravano sul creditore ipotecario soltanto le spese strettamente inerenti ai beni oggetto di ipoteca, rimanendo pertanto escluse le spese dalle quali il creditore stesso non abbia tratto, direttamente o indirettamente, utilità (nella specie, il Tribunale ha escluso che potessero essere imputate alla massa immobiliare oggetto di ipoteca le spese indicate nella proposta e nel piano, come riferibili alla stima degli immobili oggetto di ipoteca, in quanto non funzionali alla vendita forzosa degli stessi immobili).
Riproduzione riservata

art. 111 ter L. fall.
art. 160 L. fall.
art. 161 L. fall.
art. 2751 bis c.c.
art. 2770 c.c.
art. 2777 c.c.