Loading…

Trib. Brescia, 19 maggio 2022, Pres. Bruno, Est. Melani

FALLIMENTO – Procedimento prefallimentare – Possibilità di nominare un amministratore straordinario con provvedimento inaudita altera parte – Sussistenza.

Visualizza il provvedimento
In corso del procedimento per la dichiarazione di fallimento e in presenza del rischio di depauperamento del patrimonio dell’impresa debitrice, con conseguente diminuzione della garanzia patrimoniale dei creditori, può essere emesso il provvedimento cautelare della nomina di un amministratore giudiziario con poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione. L’art. 15, comma 8, L. fall. non prevede un numero chiuso di provvedimenti adottabili e questi, in quanto cautelari, possono avere funzione conservativa ma anche anticipatoria, quale è la nomina di un amministratore straordinario cui consegue un’anticipazione solo parziale degli effetti dell’eventuale dichiarazione di fallimento e cioè la privazione dell’amministrazione e della disponibilità dei beni ex art. 42, comma 1, L. fall.
Detto provvedimento può essere emesso anche inaudita altera parte poiché il regime delle misure cautelari in sede prefallimentare è integrato, nei limiti della compatibilità, da quello generale del procedimento cautelare uniforme in forza del richiamo dell’art. 669 quaterdecies, parte prima, c.p.c.
Riproduzione riservata

art. 15 L. fall.
art. 42 L. fall.
art. 669 quaterdecies c.p.c.