Trib. Larino, 25 novembre 2020, Circolare

Circolare in tema di adempimenti antiriciclaggio nelle procedure esecutive e concorsuali 

Il Tribunale di Larino - preso atto delle comunicazioni in tema di adempimenti antiriciclaggio gravanti sui professionisti delegati e sui curatori inoltrate da alcuni istituti di credito - sulla scorta di quanto previsto dal D.Lgs. n. 231/2007 e dai provvedimenti della Banca d’Italia chiarisce che il curatore (o il delegato) debba qualificarsi come esecutore del rapporto bancario, mentre il titolare effettivo è da individuarsi nel debitore esecutato (o nel soggetto fallito). Il cliente (debitore) può, invece, essere identificato mediante i dati forniti dal delegato o dal curatore (fonte affidabile indipendente), da questi estrapolati dagli atti pubblici contenuti nel fascicolo della procedura. 
Visualizza PDF